lunedì 3 giugno 2013

Son tornati i marziani, eran gli Inti Illimani


In Piazza fa talmente caldo che ti viene il dubbio che la manifestazione in difesa della Costituzione non l’abbia organizzata Zagrebelsky, ma il gelataio di via Santo Stefano. Infatti, sarà un segno dei tempi, è la prima volta che a un raduno della sinistra vedo più gelati che copie del Manifesto.
Io vado perché sono in astinenza da “qualcosa di sinistra”. La patologia è un pochino peggiorata dopo le ultime mosse del Pd, tanto che mi sveglio intonando l’Internazionale, mi lavo con Bella ciao e faccio colazione con Comandante Che Guevara. Quando la mia ragazza mi ha trovato sul cesso, col pugno chiuso a gridare “Avanti popolo, alla riscossa, bandiera rossa…trionferà”, abbiamo dedotto che il problema si stava aggravando.
Comunque l’importante è che qualcosa si muova, che ci sia un vento nuovo capace di chiamare a raccolta cuori giovani e intrepidi, il vero futuro della sinistra. Alle 13,30 ce ne sono ben tre: uno ha preso crema, cioccolato e caffè, l’altro pistacchio e amarena, il terzo niente perché c’ha la colite.
‘Nnamo bene...
Ma è solo un istantanea, la descrizione di un attimo -come cantava quel gruppo che si chiama Tiromancino quindi mi piacciono- poi la Piazza si riempie e arrivano anche i giovani, qualcuno addirittura col Manifesto in tasca.
Sul palco inizia a parlare Zagrebelsky e io non capisco come possiamo esser messi così male da farci difendere la Costituzione da un polacco. 
Che io non ho niente contro i polacchi, anzi. Mi piaceva un sacco quello là, quello famoso in tutto il mondo che venne in Italia negli anni 80. Come si chiama...
Ah sì.
Boniek.
Poi si alternano quelli che io non vorrei stessero a parlare in Piazza Santo Stefano, perché preferirei che facessero i ministri. Tipo Rodotà, Nando Dalla Chiesa, Roberto Saviano, Nichi Vendola. Tutti dicono belle cose sulla Costituzione, contro quel presidenzialismo che abbiamo combattuto per decenni prima di scoprire che a qualcuno del Pd piace. E solo a pensarci ho un malore. Si parla del recente referendum sulla scuola pubblica a Bologna. E solo a pensarci mi sento un po’ meglio.
Poi Maurizio Landini sale sul palco e l’entusiasmo arriva alle stelle: le bandiere sventolano, i gelati si sciolgono, i fascisti si convertono. Giunge infatti notizia di un saccheggio proletario da parte di clienti affezionati ai danni di Zanarini.
Affezionati una volta, ora un po’ meno.  
Io non mi scaldo più di tanto. Cioè non è che basta un sindacalista qualsiasi che dice due paroline contro la Fiat, l’Ilva, il governo e tutta la Confindustria per arroventarmi l’anima.
Sia chiaro.
Se applaudo ininterrottamente da venti minuti è perché ho un principio di artrosi alle mani e il dottore mi ha detto di muoverle.
Se grido è perché sto seguendo in radio una partita di pallamano.
Se sembro accaldato è perché c’è tanto sole.
Se sono un pochino paonazzo e ho una vena in evidenza è per la pressione alta.
Se rubo quattro gelati e me li sono spalmo in faccia è perché sono marxista-leninista, ramo carpigiani.
Se…
E va bene, confesso.
Io amo Maurizio Landini.
Non equivocate, è un amore puramente proletario. Una speranza platonica di un futuro insieme.
Politico, ovvio.
Così perdo totalmente il controllo, rubo il Manifesto a un ragazzino di 94 anni, bacio in bocca la Bindi nascosta nelle ultime file e corro sul palco, dove abbraccio Maurizio, gli rubo il microfono e, alla faccia del Pd e di chi ci vuole male, comincio a cantare a squarciagola qualcosa di sinistra, qualcosa di lontano.
Non se li ricorda più nessuno, perché forse sono un po’ strani.
O forse son dei marziani.
Però son di sinistra, almeno, sti cazzo di Inti Illimani.

3 commenti:

  1. Dovevo venire, caspita. Tutta quella gente, quei gelati...

    Ginger

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo compagno, so che eri con Bucharin...

      Elimina
  2. Io c'avevo la rosolia, no... il morbillo, no... avevo mangiato troppe fragole, insomma ero tutto a pallini bianchi e rossi. Rossi: forse in italia di rosso ci sono rimasti solo in sintomi di una qualche malattia. E gli Inti Illimani, tra maripose e fieste de san benito, alla fine c'avevano anche un po' rotto. ma si sa': chi è comunista si pasce di ricordi e a volte gli scende la lacrimuccia anche se canta peppino di capri. E il naufragar m'è dolce in questo mar...

    RispondiElimina